Area Riservata E-mail password

CONCERTO DI NATALE



Iniziamo dalla fine. Al termine del concerto, per i ringraziamenti di rito, don Leonardo ha evocato alla ribalta parrocchiale il M° Gianpietro Bertella, definendolo giustamente l’anima dell’evento e ringraziandolo per l’impegno profuso nella preparazione delle realtà corali ad usum Ecclesiae. Il ben capitato ha colto, pertanto, il meritato applauso, ai limiti dell’ovazione, del numeroso pubblico che assisteva al concerto. Chiesa strapiena in effetti. Realtà corali, appunto, poiché sarà difficile trovare altre Parrocchie e altri Comuni che abbiano un simile riscontro qualitativo e quantitativo. Ma quanti erano? Cinquanta, settanta? E quale l’impegno profuso dall’infaticabile maestro di cappella,un sopravvissuto al Cinquecento. Jean Pierre - mi si conceda il francesismo e del resto così l’avrebbe chiamato Saint-Saëns - le gestisce tutte, e bene a quanto pare. E tralasciamo la componente organistica e l’attività di docente di altri organisti... Ma come fa? Che dire pertanto di quest’uomo, dal fare sacerdotale e dal sorriso bonario, la cui mitezza probabilmente fa da contraltare a una ferrea volontà? Che sia animato da una forte passione è fuor di dubbio, di certo è un punto di riferimento per molti, in questa comunità. Un bel musicista, è chiaro! In merito, mi permetto di rilevare che con la sua guida il repertorio della corale S. Cecilia ha subito un giusto aggiornamento di generi e stili, prova ne siano, fra l’altro, l’odierno Saint-Saëns e il precedente Rutter. Ma veniamo agli interpreti:I Piccoli Cantori, bravi, intonati e bellissimi. Si vorrebbe che non smettessero mai. Esiste tutto un repertorio per le voci bianche, e da questo repertorio le nostre hanno estrapolato quattro suggestive melodie, per niente scontate e molto ben interpretate. È tipica di questi brani la sospensione tra la realtà e l’immaginario, il perpetuare una caratteristica del canto della Chiesa medievale in veste moderna, dove la monodia, sola, è lasciata all’interpretazione suggestiva dell’uditore. Dove la semplice polifonia ci colloca in un qualcosa tra l’angelico e il fiabesco, più angelico in verità. Ebbene, questo ci hanno reso; così doveva essere, ed è stato! Il Giovane Coro Accanto sprizza gioia da tutti i pori. Quattro i brani interpretati, che spaziano dalla metà del Settecento ai nostri giorni. Stanno bene insieme, si divertono e fanno della buona musica. Già questo è oggigiorno considerevole; si aggiungano i meriti di una adeguata ricerca timbrica e di una vocalità a volte trabordante e avremo tessuto il giusto elogio di un gruppo, peraltro numeroso, di ragazzi seri e molto piacevoli. Soliste di qualità, nei due interventi per soli, coro, organo e arpa - Lisa Manini e Aurora Righettini. La Corale Santa Ceciliaha trionfato nell’esecuzione dell’Oratorio di Natale, lavoro giovanile, opera 12, di Camille Saint-Saëns. Il compositore francese scrisse questo lavoro nel 1858, aveva 23 anni e dall’anno precedente era stato nominato organista titolare della Chiesa della Madeleine a Parigi, posto particolarmente ambito e che gli procurò la fama, opinabile o meno, di maggior organista del mondo. Si rileva, in questa composizione, la ricerca timbrico-armonica tipica della scuola transalpina che sarà ulteriormente sviluppata dai suoi successori in linea diretta, Gabriel Fauré e Maurice Ravel. Forse non sarà un capolavoro, ma è certamente un bel contributo a questo tipo di composizione; soprattutto nato per l’esecuzione in Chiesa, mentre gli Oratori di Händel, massimo esponente del genere (a proposito, molto apprezzato, quale bis, l’“Halleluiah” dal Messiah), venivano rappresentati in Teatro. Il lavoro vive i suoi momenti migliori nella scrittura corale e qui, si diceva, i “nostri” hanno evidenziato ottima tenuta. Le numerose parti soliste, scritte generalmente in una tessitura media, fatta eccezione per alcuni interventi sopranili, evidenziano un tono accademico (opera 12 si diceva), per quanto diligentemente scritte. Si deve francamente elogiare i vari solisti, seriamente impegnati e desiderosi di comunicare il loro pathos e quello del testo, che poi è un tutt’uno. E significativa, per una esecuzione tutta “casalinga”, va rilevata la scelta di affidare detti interventi non a specialisti esterni, bensì agli elementi scelti della Corale, che doverosamente ricordo in rigoroso ordine alfabetico. Un bravi! pertanto a: Luisa Bentivoglio, Luigi Bergomi, Vincenzo Chimini, Paolo Faustini, Cristina Klein, Cristiana Merigo, Alessandro Musesti, Giusy Omboni, Anna Righettini e Paola Taddeucci. La crescita vocale di molti dei protagonisti è da ascrivere, nello specifico, all’intervento costante di due professioniste dell’Ente Arena di Verona, che è bene ricordare e che rispondono ai nomi di Barbara Bettari ed Elena Traversi.Fantasy Orchestraè la definizione dei cinque ottimi musicisti (Laura Cuscito e Mauro Rovetta al violino, Barbara Garzoni alla viola, Marco Pennacchio al violoncello e Barbara Da Parè all’arpa), che hanno, con l’organo, retto l’accompagnamento strumentale. Per l’intonazione degli archi - ridotti alle sole parti reali - per la precisione degli attacchi e per la scrupolosità nel seguire i dettami del concertatore, gli orchestrali si sono distinti per una evidente professionalità. Agli archi si deve aggiungere l’arpa, la cui resa sonora ben si adattava alle caratteristiche dei brani interpretati. L’organista Matteo Pian, che tutti accompagna, quando non imperversa nei momenti in cui gli è data via libera, si è esibito con la riconosciuta sicurezza. Lo trovi nelle varie realtà musicali, non si perde in fronzoli; lui si siede, e va! E va bene, anzi benissimo; un talento, senz’altro.Jean Pierre Bertella ha diretto con maestria. Attento ai dosaggi, alle sfumature, preciso nei tempi e negli attacchi; non s’era detto prima, era d’obbligo farlo adesso. Insomma, una bella operazione culturale; il capitolo della musica da Chiesa si arricchisce di un evento. Applausi per tutti, sinceri, da parte di un pubblico che ha seguito con attenzione e interesse le tre esibizioni. Si proceda su questo cammino.
 
Maurizio Righetti
 
Dal bollettino nr.01/2012





01/02/2012


Vedi anche
01/08/2013 MADERNO - CONCERTO

01/12/2009 NOTIZIE DAI CORI...

01/05/2016 Un “sogno ambizioso” diventato realtà Sabato 7 maggio, nella chiesa parrocchiale di Toscolano, la Corale Santa Cecilia, dopo quasi due anni di studio, ha “finalmente” eseguito il Requiem di Mozart

01/08/2013 Domenica in concerto

01/02/2014 Te Deum laudamus


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.


Archivio

2016
2015
2014
2013
2012
2011
2010
2009
2008